Spunti (6a): paradossi

I paradossi affascinano sempre. Sarà per il fatto che riescono a dare una piccola scossa alle fondamenta della realtà come ci appare: stiamo guardando il mondo dal riflesso di una superficie immota in un laghetto alpino, e ogni cosa ha una sua logica, ogni cosa ci è chiara. Ed ecco che un paradosso cade come un sasso nel lago. E quello che ci sembrava chiaro e lineare si piega e si frantuma, lasciandoci intravedere un universo caotico e incomprensibile. La vertigine da realtà.

Per questo adoro le storie che si basano su paradossi più o meno famosi, spesso (nel caso dei racconti brevi) poco più che mere curiosità intellettuali.

Su wiki la lista di paradossi e’ enorme. Molti sono paradossi logico-matematici, e poco si prestano a diventare il nucleo di una storia (principalmente per limite mio, perché, da biologo e chimico, le scienze pure spesso mi sfuggono); inoltre i paradossi elencati sotto biologia, chimica e molte altre categorie sono quasi tutti un semplice constatare di fenomeni che non comprendiamo appieno (per esempio, se fosse vero, il fatto che il calabrone secondo le teorie aerodinamiche non dovrebbe volare eppure vola, per intenderci).

Siamo ancora ben lontani dai paradossi logici che ti fanno girare la testa. Ci arrivo non dubitare. Alcuni però sono interessanti.

Cominciamo dal classico e straclassico: i paradossi sul tempo e i paradossi logici:

Bootstrap paradox: Puo’ un viaggiatore del tempo mandarsi da solo informazioni che non provengono da una fonte esterna? Moltissime storie usano questo paradosso, così al volo mi viene in mente Le porte di Anubis, dove alla fine il viaggiatore prende il posto del poeta che tanto lo aveva affascinato e scriverà le poesie che aveva studiato nel futuro. (ma allora quelle poesie chi le ha create?)

Predestination paradox: Un uomo viaggia indietro nel tempo per scoprire la causa di un famoso incendio. Durante il suo viaggio, urta una lanterna e causa proprio quell’incendio. Le storie che usano la predestinazione si sprecano, la prima che mi viene in mente e’ Terminator (sia John Connor che Skynet esistono perché nel futuro decidono di mandare due agenti indietro nel tempo causando la propria creazione), ma anche les Cronocrimenes, per dire… Il paradosso “bootstrap” è imparentato con questo.

boobstrap dal futuro

Temporal paradox: Cosa succede se un viaggiatore del tempo commette azioni nel passato che gli impediscono di poterle compiere? (ad esempio il famoso Grandfather paradox: che succede se torni indietro nel tempo e uccidi tuo nonno prima che abbia concepito tuo padre?). Qui ci sono mille rispsote diverse: L’era di apocalisse della Marvel comincia quando il figlio di Xavier uccide Xavier prima che questi crei gli x-men (e lui istantaneamente svanisce), o Back to the future: se Marty non rimette le cose a posto tra i suoi genitori adolescenti, svanirà nel nulla.

“i libici”

In realtà se hai letto la serie di raccolte Le Grandi Storie della Fantascienza, di esempi ne hai a bizzeffe. Se non l’hai letta, peste ti colga.

Fine intro; alla prossima puntata per i paradossi logici e quelli decisionali

Annunci

Pubblicato il maggio 10, 2012, in Approfondimento con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: